Saggio Sull’Economia Italiana Parte II (ovvero: Perché Devi Concentrarti Sulla Tua Microeconomia E Non Su Quello Che Dicono Giornali E TV)


Notice: Undefined index: leadboxes_exit_js in /home/yesclubi/public_html/wp-content/plugins/leadpages/lbset.php on line 143
[Saggio Sull’Economia Italiana – Parte II]

Con questo video scoprirai:

  • Perché devi concentrarti sulla tua microeconomia e non su quello che dicono giornali e TV (soprattutto se sei un imprenditore…)
  • Che cos’è il “problema del bilinguismo” in Italia (da noi di base si parla il dialetto – e l’italiano è la seconda lingua!!! Figuriamoci l’inglese…)
  • Perché studiare all’università non serve più per avere successo e raggiungere il benessere
  • Perché tutti vogliono andare all’Università “per intrufolarsi dentro un’azienda a rubare uno stipendio da manager”
  • Come mai i veneti sono passati in pochi anni da essere un popolo di imprenditori e artigiani in proprio, a gente che cerca con ansia il posto fisso da dipendente
  • Perché un piccolo imprenditore non dovrebbe mai e poi mai assumere un laureato in marketing, visto che non ha mai condotto una campagna marketing che porta dei clienti veri

Pensare che quando nasco nella culla dall’altra parte della nursery sia nato qualcuno che un giorno ci deve dare un lavoro, è una cosa senza senso

Una generazione fa eravamo tutti imprenditori, eravamo tutti artigiani. Oggi c’è il concetto che un imprenditore mi debba dare un lavoro, lo Stato mi debba dare un lavoro ecc.

Non ci sono trasmissioni su venditori e imprenditori. E’ un problema culturale. Nel mondo anglosassone è pieno di riviste che parlano di marketing, di vendite. Che parlano della vera economia, dell’economia reale. Invece in Italia c’è un vuoto completo di informazione importante per chi fa impresa. Non si parla mai di marketing, né di quello che si può fare domani mattina per mandare avanti l’azienda.

Il Sole 24 Ore è un insieme di supercazzole globali che non hanno nessun impatto sul come bisogna fare giorno per giorno per creare fatturato domani.

(Frank Merenda, Focus, 21 Febbraio 2016)